i-legnanesi-70-voglia-di-ridere-sempionenews-sb-20

Un nuovo spettacolo per festeggiare il 70esimo anniversario della compagnia. Venerdì 30 Novembre, in una delle cinque date da tutto esaurito, al Teatro Galleria, con il loro spettacolo “70 voglia di ridere c’è”, I Legnanesi regalano sorrisi e dispensano allegria al loro meraviglioso pubblico.

I legnanesi 70 voglia di ridere sempionLegnano – Antonio Provasio la Teresa, Enrico Dalceri la Mabilia e Luigi Campisi il Giovanni, eccola la famiglia Colombo! Eredi di quel Felice Musazzi che, insieme a Barlocco e Lombardi,colleghi metalmeccanici presso la Franco Tosi, iniziarono ad esibirsi al teatro dell’Oratorio di Legnarello ed accolti subito da un grande successo, portavano in giro per la Lombardia la spontaneità del teatro popolare e dialettale.

Una storia che parte da molto lontano e che approda ai giorni nostri con semplicità e  naturalezza, riuscendo ancora a portare nel cuore di tutti del sano divertimento. 70 anni della compagnia, per 70 anni di successi apprezzati in tutta Italia e nel mondo.

E quando si spengono le luci e inizia lo spettacolo, iniziano anche a rivivere i ricordi di chi è cresciuto all’”ombra del cortile”.

I legnanesi 70 voglia di ridere sempionNel corso della vita, chi più chi meno, è passato per il“cortile” e par i “ca da ringhera”, le case di ringhiera, dove nonni, zii, parenti o semplici conoscenti davano consigli e si aiutavano a vicenda, perché questo era lo spirito, la condivisione e l’unione, unite ad un aria di festa, di una festa paesana, gentile e umile.

Con la Teresasignora legnaneseil Giovanni, marito bonario e un po’ impacciato e la loro figlia Mabilia che impersona la ragazza di provincia che vuol essere cittadina e modaiola, tutto questo è la famiglia Colombo che vive nel classico cortile, a “curti granda”, i vecchi cortili, con i panni stesi e i servizi, uno per venti famiglie, dove le donne si ritrovavano, a chiacchierare e a raccontarsi, per ore ed ore, della casa, della famiglia e della vita, di una vita che trascorreva tranquilla, come sanno ancora dare voce loro.

I legnanesi 70 voglia di ridere sempionMa, come spesso accade, anche la Teresa sogna in grande, sogna di diventare ricca e famosa, di abitare in un appartamento nella City Life di Milano, di avere dei followers, un agente, di condurre insomma una vita “smart”.

E così, nella seconda parte dello show, impreziosito da musiche e coreografie spumeggianti, il classico e genuino cortile, lascia il posto ad un austero appartamento, in un grattacielo di Milano, tenuto a “puntino” dalla domestica.

Ma, quando alla Teresa viene chiesto di fare la “donna cittadina” e quindi di non parlare più il dialetto, la sua risposta è: “che la roba chi la ma fa girà i ball”, il dialetto è la nostra tradizione, è la nostra cultura!”

Uno spettacolo che “travolge” dalle risate ed offre comunque dei buoni motivi per riflettere. Lascia l’interrogativo del dubbio, se è stata meglio la vita passata o se sarà meglio un futuro che potrà, magari, convivere con il presente.

I legnanesi 70 voglia di ridere sempionSe, “70 voglia di amare c’è”, “buttate via” il telefonino, seguite il loro consiglio, ditelo ancora un ti amo e ti voglio bene guardando negli occhi, c’è un grande bisogno di amore!

Se, “70 voglia di ridere c’è”andate a teatro a divertirvi con questa compagnia che da 70 anni, sa raccontare la vita vera e vissuta con spontaneità e naturalezza.

Applausi scroscianti e 70 volte ancora grazie!! Che meraviglia!!

Jessica Urbani

Galleria fotografica a cura di Sergio Banfi 

Continua a seguirci sui nostri social, clicca qui!

     

Comments are closed.

Translate »