karesansui-crespi-bonsai--920x600

Al nuovo Asia Design Pavilion del Fuorisalone Crespi Bonsai porta il Ryoan-ji a Milano. Il giardino zen: l’espressione più affascinante del giardino giapponese Asia Design Pavilion allo Spazio Megawatt court dal 17-22 aprile.

Parabiago – Crespi Bonsai si presenta al pubblico del Fuorisalone, e in particolare del nuovo Asia Design Pavilion, con 3 diverse installazioni dedicate al giardino giapponese, tra tradizione e modernità. I progetti firmati da Luigi Crespi, che da oltre 50 anni si occupa di paesaggismo e bonsai, daranno vita a un karesansui, conosciuto più comunemente come giardino zen, un giardino paesistico secco costituito da pietre e sabbia, l’espressione più affascinante del giardino giapponese. Esso è un vero e proprio giardino di contemplazione, dove non è possibile accedervi. Il karesansui si esprime compiutamente come rappresentazione di idee, piuttosto che come giardino panoramico: con una sola pietra può rappresentare una montagna o un’isola, mentre la ghiaia bianca può suggerire un ruscello o l’oceano. La tecnica mira quindi a una rappresentazione simbolica o soggettiva, che esprime l’idea astraendola dal paesaggio naturale. Il più famoso tra questi si trova ovviamente in Giappone e si tratta del giardino di sabbia e rocce situato nel Ryoan-ji, un tempio zen in Kyoto.

Oltre al giardino zen, l’altro angolo giapponese curato da Crespi Bonsai per l’Asia Design Pavilion si pone l’obiettivo di esprimere, in uno spazio limitato, la magica varietà della bellezza della natura, l’emozione legata alla stagione e ai suoi colori, il fascino della maturità delle forme che enfatizza la carica evocativa degli elementi. Ogni dettaglio del giardino è considerato in termini di proporzione e prospettiva, armonia d’insieme ottenuta attraverso delicati contrasti, dinamicità e incontro di tensioni, che si riassumono nella suggestione di un paesaggio più vasto del reale, nel quale la mente spazia libera assorbendo la rigenerante energia della natura e nutrendosi della sua innata quiete.

Non mancherà un’installazione moderna composta in chiave geometrica utilizzando il triangolo, simbolo universale di armonia e proporzione, accostato a una delle piante simbolo del Giappone: il Bambù. Profumi e colori, suoni e materiali, forme e spazi vuoti cercheranno di rendere intensa l’esperienza del giardino giapponese, portando il visitatore a vivere momenti di contemplazione e sperimentare l’acuta attenzione della percezione in un contesto come il Fuorisalone, in cui l’energia creativa fluisce più facilmente che in altri luoghi.

Sempre al Megawatt Court Crespi Bonsai presenterà anche alcuni spettacolari esemplari bonsai ultrasecolari, provenienti dal Crespi Bonsai Museum di Parabiago (Mi), un museo permanente unico al mondo che offre la possibilità di ammirare una preziosa collezione di piante secolari, fra cui un bonsai millenario della specie Ficus retusa Linn. Rari esemplari di bonsai provenienti proprio dalla collezione del Museo verranno presentati in questa occasione, alberi straordinari le cui origini si perdono nella memoria di generazioni di esperti coltivatori di bonsai e che, curati per secoli con le tecniche più appropriate, hanno raggiunto una perfezione e un’armonia ineguagliabili.

CRESPI BONSAI Asia Design Pavilion Fuorisalone 17-22 aprile MEGAWATT COURT Via Watt, 15 | MILANO

La redazione

Continua a seguirci sui nostri social, clicca qui!

Comments are closed.

Translate »