92i-adunata-alpini-nazionale-milano-05

Gli applausi di Milano agli 80mila Alpini in sfilata alla 92^ Adunata Nazionale Alpini che hanno catturato la città con simpatia e creato “indotto”. Impegno straordinario di Trenord che ha permesso di trasferire 250.000 viaggiatori

92ì Adunata Alpini Nazionale Milano 05Milano – Legnano – Gli alpini a Milano hanno sfilato in 80mila per 12 ore lungo gli oltre 2 chilometri del percorso, da porta Venezia a largo Cairoli, passando per il Duomo dove hanno ricevuto il saluto delle autorità. Presenti accanto al Presidente dell’Associazione Nazionale Alpini Sebastiano Faveroil vicepresidente del Senato Ignazio La Russa, il ministro della Difesa Elisabetta Trenta con i vertici delle Forze Armate, il Capo di Stato Maggiore della Difesa gen. Enzo Vecciarelli, dell’Esercito gen. Salvatore Farina e il comandante delle Truppe Alpine gen. Claudio Berto.

Il corteo è stato aperto dai reduci, dagli alpini delle Sezioni Ana all’estero, seguiti da quelli delle Sezioni italiane che hanno ricevuto gli applausi dei cittadini accorsi in piazza Duomo e lungo tutto il percorso. Tanti gli striscioni in sfilata che hanno celebrato il Centenario dell’Associazione Nazionale Alpini, nata nel capoluogo lombardo nel 1919 e ricordato con il motto “100 anni di coraggioso impegno”.

In sfilata anche i centenari Giovanni Alutto di 102 anni e Silvio Biasetti di 106 anni, l’unica Medaglia d’Oro in servizio il serg. magg. Andrea Adorno e in ricordo dell’ultimo mulo “najone” il basto di Iroso, scomparso pochi giorni fa.

Hanno chiuso gli alpini di Milano e il Comitato Organizzatore dell’Adunata che hanno ricevuto gli applausi finali, prima della cerimonia del passaggio della stecca tra il presidente della Sezione milanese Luigi Boffi e Vittorio Costa della Sezione Bolognese Romagnola – presenti i sindaci Giuseppe Sala, Andrea Gnassi e i rappresentanti della Repubblica di San Marino – perché nel 2020 l’Adunata si terrà a Rimini-San Marino. Alle 21 la cerimonia dell’ammainabandiera.

Il bilancio della tre giorni di manifestazione è di circa 500mila presenze in città, 120mila visitatori alla Cittadella Alpina (record assoluto) e in migliaia alle mostre organizzate per l’occasione al Castello Sforzesco e in altri luoghi simbolo. Tutto cio’ ha creato indotto sia nel settore dell’accoglienza ( a Milano e provincia sold out in alcuni alberghi) e nelle attività commerciali.

Infine, segnaliamo, per una volta, una nota positiva da parte di TRENORD che per l’evento ha fatto il massimo: ha permesso di far viaggiare 250MILA VIAGGIATORI. 250mila viaggiatori hanno raggiunto con Trenord l’Adunata Nazionale degli Alpini a Milano, da venerdì 10 a domenica 12 maggio. In particolare, oltre 20mila persone hanno acquistato e utilizzato il biglietto speciale proposto dall’azienda ferroviaria in occasione della manifestazione, che a 10 euro consentiva di viaggiare in treno fino a Milano e sui mezzi urbani di ATM – tram, bus e l’intera rete metropolitana urbana e extraurbana – per tutte le tre giornate.

In occasione della manifestazione, Trenord ha messo in campo un piano straordinario di potenziamento delle composizioni, aggiungendo nelle giornate di sabato 11 e domenica 12 maggio oltre 130mila posti a 390 corse, per un totale di 300mila sedili a disposizione dei viaggiatori nel weekend per raggiungere Milano. Inoltre, domenica 12 maggio circa 1000 alpini valtellinesi hanno raggiunto la sfilata a Milano a bordo di un treno straordinario da Tirano, con fermate a Sondrio, Morbegno e Colico, istituito dall’azienda di trasporto ferroviario.

La redazione

Continua a seguirci sui nostri social, clicca qui!

 

Comments are closed.

Translate »