madonna del sasso

Il Santuario dedicato alla Madonna del Sasso si trova in provincia di Verbania, maestosa la Cupola centrale dal grande impatto spaziale. Dal suo piazzale si può ammirare il Lago d’Orta in tutta la sua bellezza.

Madonna del Sasso (VB) – Prima che sulla rupe del sasso venisse edificato il santuario dedicato alla Madonna, vaghe tracce storiche dicono di una chiesa romanica della quale non sono state riscontrate tracce materiali.

Uniche testimonianze si trovano nelle descrizioni di visite vescovili tra Cinquecento e Seicento, la costituzione di una Confraternita del Rosario e la tavola con la Deposizione del pittore Fermo Stella da Caravaggio del 1541, tutt’ora inserita nell’ancona dell’altare maggiore.

L’attuale complesso composto dalla chiesa, dalla torre campanaria e dalla casa eremitale venne edificato tra il 1725 e il 1748. Il merito maggiore della realizzazione si deve per grazia ricevuta al benefattore nativo di Boleto, Pietro Paolo Minola.

La chiesa in stile barocco a croce greca comprende una unica grande navata e tre altari, fu affrescata dal pittore Lorenzo Peracino da Cellio. L’intero complesso è stato poi restaurato nel 1998 in occasione del suo 250° anniversario.

Il vasto piazzale antistante il Santuario, da cui si può ammirare la bellezza  del lago d’Orta poggia sulla parete scoscesa di roccia granitica dove nei secoli scorsi gli scalpellini della zona hanno esercitato il loro durissimo e  pericoloso lavoro, definito anche “prato della tela” perché nelle giornate soleggiate , le donne usavano stendere la tela fatta in casa per candeggiarla.

L’attività della cava diede vita a diatribe tra i proprietari delle di Alzo e la pubblica amministrazione di Boleto che temeva per la stabilità della rupe. Per quasi un secolo seguirono azioni legali al fine di trovare un accordo che permettesse di mantenere l’utilizzo delle cave, definite di pubblica utilità e allo stesso tempo garantire la sicurezza della chiesa.

Le cave furono poi chiuse definitivamente nel 1978.

In origine il primo nome fu Santuario della Beata Vergine Addolorata del Sasso di Boleto, dopodiché nel 1752 a seguito di un miracolo dove la Vergine salvò 350 scalpellini assunse il nome di Madonna del Sasso.

Attualmente all’interno del Santuario si può ammirare il restauro pittorico della Cappella di San Giuseppe e la Cappella della Madonna del Rosario mentre nella parte absidale appare l’affresco della Vergine incoronata Regina, mentre ad ornare l’Altare Maggiore concorrono sei angeli, due dei quali di colore bronzeo.

Dal maestoso impatto spaziale della cupola centrale si passa alla controfacciata con organo e cantora per procedere, dopo pochi passi, ad ammirare gli arredamenti lignei del coro e del confessionale.

Madonna del Sasso (VB) – Via Santuario, Piazza degli Scalpellini. Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Mauro Bianchini

Galleria fotografica

Continua a seguirci sui nostri social, clicca qui!

Comments are closed.

Translate »