MUSEO CIVICO GUIDO SUTERMAISTER
Passeggiata storica
Tappa 1: Museo Guido Sutermeister – Sala della Loggetta
La Sala della Loggetta espone materiali archeologici disposti secondo un ordine cronologico: i numerosi reperti permettono di capire i diversi aspetti delle popolazioni che, in più di tremila anni di storia, hanno stabilito le proprie dimore nel territorio della media valle Olona. La più antica testimonianza risale alla tarda età del Rame. Il popolamento della pianura è però meglio documentato durante la successiva età del Bronzo e del Ferro. Nei primi secoli dell'impero i Romani abbiano preso pieno possesso del territorio. Singolare è un fondo di piatto in vernice nera che reca incisa, in forma di complemento di possesso, la scritta Caliidonos, il nome del più antico abitante del Legnanese. Numerose sono le testimonianze provenienti dalle necropoli distribuite lungo il fiume Olona. I reperti invece provenienti dall’età longobarda sono poco numerosi.
Tappa 2: Lo Studiolo
Al piano superiore del Museo è allestita la Collezione Sala che comprende reperti greci, magnogreci, etruschi e romani (IX secolo a. C. - III secolo d.C.). L'esposizione mira a ricostruire una casa privata; tra i materiali bronzei spiccano, per l'elegante fattura, una fibula (spilla) prodotta nel IX secolo a.C; un pettorale la cui lavorazione è da attribuirsi ad artigiani attivi nell'Italia settentrionale. Il gruppo più consistente è costituito invece da ceramiche utilizzate per i diversi momenti del banchetto dell'aristocrazia etrusca ed italica dal VII al III secolo a.C. Un alabastro, contenitore per unguenti e profumi e altri oggetti di pregio.
Tappa 3: Salone d’Onore
Il Salone d'Onore è destinato all'accoglienza del pubblico in occasione di conferenze, attività didattiche e all'allestimento di mostre temporanee.<br /> Il percorso espositivo illustra la recente scoperta di un'area sepolcrale che ha restituito tombe celtiche di III-inizi II secolo a. C, deposizioni di età romana imperiale (I secolo d. C.) e sepolture tardo antiche (III-IV secolo d. C.), venuti alla luce tra il 2005 e il 2011. Tra i materiali più antichi si distinguono, per la loro particolarità, vasi a trottola, molle da fuoco miniaturistiche, i resti di una cintura in bronzo e un bracciale in argilla. Notevole la nuova ala dell’età romana imperiale con due sepolture una delle quali forse una deposizione infantile, una ricostruzione di una Domus Aurea più numerosi i reperti risalenti all'età tardo romana.<br />
INFORMAZIONI
Durata: 2 ore
Translate »