1414876717217.jpg--920x600

Eventi in Jazz ritorna al Teatro Sociale di Busto Arsizio sabato 3 novembre alle ore 21.00 per un concerto con tali caratteristiche di eccezionalità che rimarrà scolpito nella memoria degli ascoltatori nel tempo, con il tributo a Renato Sellani.

Un evento certamente senza precedenti in Italia! Una rappresentazione caleidoscopica con alcuni dei più grandi pianisti italiani riuniti per rendere omaggio alla figura del Maestro Renato Sellani.

Enrico Pieranunzi piano, Dado Moroni piano, Danilo Rea piano, Roberto Olzer piano,Riccardo Randisi piano, Mario Zara piano, Michele Franzini piano, Andrea Domenici piano,Antonio Zambrini piano, Massimo  Moriconi, contrabbasso, Massimo Manzi batteria, Stefano Bagnoli batteria, Simona Severini voce

È stato persino commovente per la direzione artistica constatare che il meglio del pianismo italiano ha accolto con entusiasmo l’invito condividendo il palco con colleghi senza nessuna remora, differendo, in qualche caso, impegni assunti in precedenza.

Renato Sellani è stato un punto di riferimento per tutto il movimento pianistico italiano sin dalle sue esibizioni alla Bussola di Viareggio, dove venne soprannominato il pianista delle cantanti, in quanto gli si riconosceva una non comune capacità di assecondare e guidare le vocalists che si alternavano sul palco: stiamo parlando di artisti del calibro di Sarah Vaughan, Jula de Palma, Shirley Bunnie Foy e finanche della grande Mina.

Ricostruiremo la carriera di Sellani attraverso la reinterpretazione di una serie di canzoni appartenenti al suo classico repertorio grazie alla presenza di numerosi pianisti: Dado Moroni, Danilo Rea (che aveva con Sellani instaurato un rapporto davvero particolare ed unico), Enrico Pieranunzi, Riccardo Randisi, Roberto Olzer, Mario Zara, Michele Franzini, Antonio Zambrini e Andrea Domenici.

Sarà presente la sua storica ritmica: i giants nazionali Massimo Moriconi e Massimo Manzi oltre ad altri illustri ospiti come Stefano Bagnoli e la cantante Simona Severini.

Ingresso libero.

La redazione

Continua a seguirci sui nostri social, clicca qui!

Comments are closed.

Translate »